logo-1665726831.jpeg

menu

Prof. Massimo Vergine

 

 

    Primario UOC Chirurgia della mammella Policlinico Umberto I Roma

 

© Copyright  2022 Prof. Massimo Vergine. All rights reserved. | Privacy Policy | Cookie Policy

cy

Sintomi del tumore al seno

Quali sono i sintomi iniziali del tumore al seno?

Sintomi iniziali del tumore al seno-Come riconoscerli e quale cura?

 

Se avvisi uno di questi segni o sintomi al seno sarebbe opportuno consultare il senologo
in quanto potrebbero far sospettare un iniziale
tumore del seno

 

 Sintomi iniziali del Tumore al Seno a Roma - Dolore-nodulo-secrezione capezzolo

• Una protuberanza o ispessimento o una massa nella mammella o nella zona ascellare;

• Variazioni delle dimensioni o della forma della mammella;

Secrezione di liquido dal capezzolo, sua consistenza molle oppure retrazione;

• Rilievi o infossamenti sulla superficie della mammella (pelle "a buccia d'arancia");

• Cambiamento dell’aspetto della pelle della mammella, del capezzolo o dell’areola (arrossamento, aspetto squamoso, gonfiore) o sensazione di calore avvertita in tali zone.

Consultate il medico se notate uno di questi sintomi. Molto spesso si tratterà di un falso allarme, ma un parere professionale servirà ad individuare qualunque tipo di problema e a risolverlo nel piu' breve tempo possibile.

Il sintomo iniziale  del tumore al seno da tenere in considerazione è il Dolore, in tutte le sue varianti, dalla tensione mammaria mono o bilaterale, al raro dolore intenso spontaneo o esacerbato dal movimento o dalla compressione . 

 

Il dolore mammario  è dato prevalentemente  da due cause; l'infiammazione  e la stimolazione nervosa da distenzione  dei tessuti ghiandolari ed interstiziali.

Il dolore infiammatorio è sempre, almeno tardivamente , associato a segni superficiali di flogosi (infiammazione) e tende ad essere costante, intenso, monolaterale, con  o senza pulsatilità, talvolta associato a febbre.

Il più comune dolore tensivo ( talvolta riferite come fitte al seno) mono o bilaterale , è di solito variabile nel tempo ed è di difficile valutazione, per le note variazioni individuali nella percezione del dolore e per la particolare valenza dei valori emotivi connessi con la cancerofobia mammaria.

Il dolore talvolta è associato ad un aumento di volume, di densità e di nodularità provocati da fenomeni proliferativi lobulari e secretivi duttali e si manifesta nel periodo premestruale o durante tutta la seconda metà del ciclo (mastodinia ciclica).

I segni più frequenti sono i "noduli",  in quadranti ben precisi della ghiandola , che la paziente può apprezzare spesso  da sola e talvolta  con dei cambiamenti di dimensioni e di dolenzia in rapporto con il ciclo mestruale.

Spesso è la paziente stessa che riferisce di aver apprezzato la comparsadi  un nodulo durante l'autopalpazione.

Le alterazioni cutanee, sotto forma di aree eritematose variamente estese, sono di solito associate a mastite e quindi a dolore spontaneo o provocato dalla palpazione e dalla presenza di una sottostante porzione ghiandolare , dura o di consistenza teso-elastica: da non saottovalutare l'eritema associato ad un diffuso ed improvviso aumento di volume della mammella, soprattutto se la cute presenta anche alterazione a " buccia di arancia", tutti segni che indicano talvolata un tumore infiammatorio.

L'edema cutaneo, che conferisce il caratteristico aspetto a buccia di arancia è , infatti è provocato, prevalentemente, da invasione neoplastica dei linfatici superficiali. 

Le alterazioni dell'areola e del capezzolo si manifestano prevalentemente sotto forma di lesioni epidermiche o di retrazioni o deviazioni del capezzolo.

Le dermatiti eczematose dell'areola e del capezzolo possono essere frequenti e non destano sospetto se guariscono dopo terapia topica con creme. Se l'eczema persiste meglio rivolgersi subito ad uno specialista in quanto spesso possono essere indice di Malattia di Paget.

Un segno frequente da non sottovalutare è la secrezione del capezzolo che può essere spontanea o provocata  e mono o bilaterale.

La secrezione dal capezzolo , sierosa o lattescente, in assenza di altri rilievi clinici, si può considerare innocente,mentre la secrezione ematica o sieroematica, merita invece maggiore attenzione ed un approfondimento diagnostico.

Sarebbe opportuno sempre chiedere un consulto allo specialista che tramite esami specifici ( esame citologico e tampone) può trarre indicazioni da approfondire con altri esami strumentali.

La malattia di Paget del capezzolo nota anche come morbo di Paget del seno, è una forma molto rara di tumore. Di solito si sospetta quando compare una forma eritematosa del complesso areola capezzolo, talvolta confusa con un banale eczema.

 

 Eventuali quesiti sui sintomi del tumore al seno:

 

Che dolori porta il tumore al seno ?: Di  solito nelle fasi iniziali la donna non avvisa nessun dolore  particolare. nelle fasi succesasive si piò accusare un dolore nel quadrante dove è presente il tumore soprattutto se si associa un arrossamento o viene coinvolto il capezzoplo che può risutare arrossato e retratto

 

Come si capisce che si ha un tumore al seno?  Gonfiore o ispessimento o ispessimento nell'area del tumore , con presenza di noduli duri,talvolta senza dolore. talvolta si notano cambiamenti di aspetto o volume del seno ( un seno più grande dell'altro) o irritazionioni sulla pelle. da notare se ci siano secrezioni dal capezzolo soprattutto di natura sieroematica

 

Quando preoccuparsi se si ha un nodulo al seno?  Qualora una donna avverta la presenza di un nodulo o di una massa palpabile al seno (mediante l'autopalpazione) , sensazione di intenso prurito o aree infiammate è opportuno che si rivolga al proprio senologo di fiducia; anche se frequentemente si tratta di lesioni benigne, è importante non sottovalutare mai tale comparsa.

 

Appuntamento per visita senologica

 Sintomi del Tumore al Seno a Roma - Senologo - Chirurgia tumore al seno

In caso avvisi uno o più sintomi o segni sopraelencati prenota  subito una  visita senologica.

Sarà lo specialista senologo a indirizzarti verso gli esami strumentali più idonei per il tuo caso.

  Spesso la donna con dei dubbi entra in uno stato ansioso  finchè non ha certezze sulla diagnosi.

Solo l'esperienza del chirurgo senologo e la possibilità  di entrare a far parte del percorso di una Breast Unit possono darti la garanzia di una sicura diagnosi con  gli eventuali approfondimenti diagnostici strumentali necessari messi a disposizione.

 

Prof. Massimo Vergine - Chirurgo Senologo

Responsabile Unità Operativa Complessa della CHIRURGIA DELLA MAMMELLA

Docente  Università "Sapienza " di Roma

Mi occupo della prevenzione e cura del tumore della mammella nell'ambito della

 Breast Unit del Policlinico Umberto I di Roma

 La visita senologica è il primo passo sia per una corretta prevenzione che per avere

 tutte le giuste informazioni sulla terapia da seguire , seguendo le linee guida

 della Breast Unit

Prof. Massimo Vergine - Sintomi del Tumore al Seno a Roma -dolore-nodulo-secrezione capezzolo

 Prenotazione Visita senologica

 

Il Prof. Vergine visita presso la Breast Unit del Policlinico Umberto I

esclusivamente il Lunedi (orario 8-13) - con richiesta del medico curante per visita senologica

Per l'appuntamento scrivere a massimo.vergine@uniroma1.it 

lasciando un recapito telefonico e verrete ricontattate per fissare giorno e orario della visita senologica .

In alternativa chiamare al numero 0649977800

 

Visita intramoenia :

Studio One day medical center - Via attilio Ambrosini 114- Roma

Tel: 0645212038     Cellulare : 3396166430       

Per qualsiasi informazione scrivi a :  massimo.vergine@uniroma1.it

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder